Studiare all'estero

La possibilità di effettuare un periodo di studi all’estero è fortemente incentivata per tutti gli studenti dei corsi di Laurea afferenti al Dipartimento. Nei CDLM a ciclo unico in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche ed in Farmacia vengono riconosciuti fino ad un massimo di 2 punti aggiuntivi per la determinazione del voto di Laurea agli studenti che hanno svolto periodi di studio all’estero.

Le varie possibilità di partecipare a programmi di mobilità internazionale sono riportate nel sito di ateneo accessibile cliccando sul link sottostante

Oltre alla possibilità di seguire corsi e/o sostenere esami, gli studenti possono svolgere all’estero l’attività di internato sperimentale di tesi obbligatoria.

 All’interno dei programmi ufficiali di scambio è necessario identificare una delle sedi consorziate con il DBCF, identificare un argomento di interesse e contattare un docente del Dipartimento di quel settore (o settore affine) per instaurare un contatto con la sede estera. È possibile anche andare in sedi diverse da quelle consorziate, sempre previa esplorazione della disponibilità della sede estera condotta da un docente del Dipartimento. In quest’ultimo caso dovranno essere considerate forme alternative di supporto economico. Il docente del Dipartimento che ha curato i contatti sarà il relatore ufficiale della tesi mentre il docente responsabile del laboratorio estero figurerà come correlatore. La tesi dovrà essere scritta in lingua inglese.

Per eventuali altre informazioni sullo svolgimento di stage all’estero contattare i Presidenti dei Comitati per la Didattica oppure i referenti di Dipartimento per l’internazionalizzazione, Proff. Steven Loiselle e Massimo Olivucci.